Clicca per altri prodotti.
Non è stato trovato nessun prodotto.

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.

Accetto
close
Cerca nel blog
Articoli recenti

Giochi da tavolo gestionali e strategici

Pubblicato1 Mese fa Di
Preferiti0

I moderni giochi da tavolo di strategia furono inventati e sviluppati in Germania come giochi da tavolo atti ad aumentare le capacità belliche degli ufficiali militari. 
Oggi sono diventati anche molto altro, di diverso e interessante.

RootRoot”, da 2 a 4 giocatori, è un gioco guerresco, puccioso e crudele in cui gli animali che vivono in una foresta, combattono tra loro per avere il controllo di alcuni territori.
Questo gioco attrae i giocatori per l’indubbia qualità estetica. Il disegnatore Kyle Ferrin ha uno stile personale che si discosta molto dal realismo classico dei giochi strategici e che ricorda più le illustrazioni di libri di fiabe per bambini. Ma Root non è una fiaba, il designer Cole Wherle ha creato un gioco asimmetrico (ogni fazione ha meccaniche differenti) in cui ci si mena di brutto. 
Le fazioni sono quattro: la Marchesa dei Gatti, l’Enclave delle Aquile, l’alleanza dei Boschi e il Vagabondo. 
La prima partita dovrete mettere in conto di dover spiegare le regole per una durata non standard, causa la diversità di meccanica di ogni fazione. 
È richiesta anche una dovuta dose di fortuna dovendo lanciare due dadi durante i combattimenti.


Root - La Compagnia del FiumeConsiglio di comprare anche l’espansione “Root - La compagnia del Fiume”, da 1 a 6 giocatori, che introduce i Mercanti del Fiume (Lontre) e il Culto della Lucertola (Lucertole). Queste due nuove fazioni hanno due meccaniche differenti. Forse la più interessante delle due è quella della Compagnia del Fiume che introduce la vendita di servizi (ad esempio vendere soldati o trasporto lungo il fiume della mappa) alle altre fazioni. Nell’espansione è anche presente l’automa “la Marchesa Meccanica” che permette di giocare anche da soli o in modalità cooperativa.
Potete anche pre-ordinare la nuovissima espansione “Root – Il Mondo Sotterraneo” che introduce ulteriori fazioni: “Il Ducato Sotterraneo” (Talpe) e “La Congiura dei Corvidi” (Corvi); ma soprattutto include due nuove interessanti mappe di gioco. 
Vi consiglio anche di prendere un bell’organizer che riduca i tempi di preparazione e che contenga tutto il gioco in un’unica scatola. (in attesa di una big box ufficiale).

DuneSe invece vi piace la fantascienza dovreste comprare “Dune”, da 2 a 6 giocatori, il remake del famoso gioco edito nel 1979.  In questo board game, creato dai romanzi di Frank Herbert, diverse casate, gilde e ordini religiosi si combattono, alleano e tradiscono sul pianeta Harrakis per il controllo del Melange, una sostanza dalle incredibili proprietà, ad esempio estendere la vita e conferire poteri di pre-veggenza. È un gioco asimmetrico più lungo e complesso di “Root” che da anche lui molte soddisfazioni nel giocarlo. 
Quest’anno, verso dicembre, dovrebbe uscire lo spettacolare film di “Dune” diretto da Denis Villeneuve. Iniziate a prepararvi leggendo i romanzi e giocando al board game. 

WingspanForse non amate la violenza. Nel caso il gioco perfetto per voi è “Wingspan”. La sua creatrice Elisabeth Hargrave ha voluto creare un gioco diverso dalla media degli strategici. In “Wingspan” voi siete degli appassionati di Bird Watching che mettono nella loro voliera differenti tipologie di uccelli. “Wingspan” è veloce, non complesso ma non stupido. Ha inoltre una gran qualità nelle illustrazioni e materiali. Soprattutto è un gioco che avrete voglia di giocare più volte in un pomeriggio o in una serata con i vostri amici o parenti; anche con quelli che non amano particolarmente i giochi strategici.
La scatola base ha uccelli che vivono nel Nord America. Se volete giocare con volatili che vivono in Europa, quali il Merlo o il Gallo Cedrone, dovete assolutamente comprare “Wingspan – Espansione Europa”. Per i collezionisti c’è anche “Wingspan – Espansione Oceania”, che introduce anche nuove meccaniche. 
Il gioco inoltre, dopo qualche partita, vi permetterà di iniziare a riconoscere gli uccellini che abitano delle nostre città e popolano i suoi parchi; il che è una bella cosa.

MariposasElisabeth Hargrave dopo “Wingspan” ha voluto creare un altro gioco con una tematica inusuale:
Mariposas” racconta la migrazione delle farfalle monarca dal Messico al Nord America e ritorno; lungo tre stagioni che vanno dalla primavera all’autunno. In questo periodo di tempo le farfalle migrano, si riproducono, depongono le uova, muoiono, le uova si schiudono… assisteremo alla vita di 4 generazioni di farfalle. Il gioco è un family, da 2 a 5 giocatori, senza interazione tra i giocatori. 
Un gioco rilassante e piacevole di grande impatto visivo.
Agricola” è un gran classico. È un piazzamento lavoratori dove i giocatori impersonano dei contadini del 1600 che devono far prosperare le loro fattorie. Un gioco tranquillo e affidabile in cui tutto è rodato e cesellato. Agricola ha inoltre tantissime carte che, utilizzate, permettono di introdurre una difficoltà crescente fino a rendere il gioco molto complesso e difficile. Potrete giocare in modalità base con bimbi e nipoti e in difficoltà difficile contro i vostri amici più cervelloni.
Star Realms”, per 2 persone, è un deck building. Dovrete creare una flotta di astronavi e basi spaziali capaci di sconfiggere la flotta avversaria. È un gioco veloce e rilassante che si basa anche sulla fortuna di prendere le carte giuste per la vostra flotta.
Ci sono talmente tante espansioni che la ri-giocabilità è pressoché infinita.
Il maggior pregio di questo gioco è la rapidità delle partite.
Le Rovine perdute di ArnakL’ultimo gioco che vorrei consigliarvi non è ancora disponibile in italiano ma lo potete pre-ordinare e vi consiglio assolutamente di farlo perché sarà un sold out. Il gioco di cui parlo è “Le Rovine Perdute di Arnak”, da 1 a 4 giocatori; potete giocarci in solitario essendoci un automa. È piaciuto moltissimo negli States, forse anche perché utilizza insieme ed egregiamente le due meccaniche di piazzamento lavoratori e deck building. Voi gestite delle spedizioni archeologiche che devono scoprire la scomparsa civiltà di Arnak, esplorando un’isola disabitata da umani ma abitata da creature ostili. Contro di esse dovrete combattere.
Il gioco è molto fluido e con poco downtime (tempo di inattività in cui dovete aspettare le mosse degli altri giocatori) cosa dovuta al fatto che ogni giocatore può effettuare al massimo un’azione dopo di che tocca al giocatore successivo che compie anche lui max un’azione; così finché un giocatore non può effettuare più azioni e passa definitivamente.
Vi consiglio di prenotarlo prima che qualche losco avventuriero si aggiudichi l’ultima copia prima di voi.

Lascia un commento
Lascia un commento

Menu

Impostazioni

Crea un account gratuito per salvare prodotti preferiti.

Accedi

Crea un account gratuito per aggiungere alla Lista dei desideri.

Accedi