Ti possiamo aiutare?
Clicca per altri prodotti.
Non è stato trovato nessun prodotto.
Cerca nel blog
Articoli recenti

Bustine per le carte: perchè?

Pubblicato2 Settimane fa Di
Preferiti0

L'argomento di oggi è uno di quelli che farà discutere.
Un po' come la storia su come posizionare le scatole, verticali od orizzontali.
Caso tra l'altro ancora aperto.
Il dibattito di oggi è altrettanto divisorio: imbustare o no le carte?

Chi è che imbusta le carte?

La domanda potrà sembrare triviale, ma concedeteci una digressione.
Probabilmente ci sono diversi tipi di giocatori che imbustano le carte dei loro giochi.
C'è chi lo fa per un aspetto pratico.
I giochi da tavolo costano, ca' va sans dire, come ogni cosa del resto.
Le bustine preservano le carte dall'usura.
Se poi il gioco lo vorrai rivendere, potrai aggiungere nell'annuncio "carte imbustate" e alzare qualche euro in più.
Torniamo dopo su questo punto.

Ci sono poi i collezionisti, alcuni anche un po' feticisti.
Sono quelli che tengono da parte quello che rimane dalle fustelle.
Non si sa che se ne fanno di questi scheletri di cartone, ma il gioco deve rimanere il più integro possibile.
Sono delle vestali della verginità dei giochi.
Se potessero metterebbero di nuovo anche il cellophane attorno alla scatola finita la partita (se proprio devono giocarla).

Creature_Comforts

Giochi di carte o giochi CON le carte?

Cerchiamo di portare la questione su un profilo non emotivo o personale.
Partiamo dicendo che le carte sono uno dei fondamentali dei giochi da tavolo.
Come c'è il passaggio, il palleggio e il tiro nel basket, dadi, carte e meeple rappresentano gli ingredienti base dei giochi da tavolo.
Tuttavia non in tutti i giochi le carte hanno lo stesso ruolo.
In alcune meccaniche le carte sono solo un complemento.
Si mescolano poco, si scambiano poco.
Prendiamo il recente Creature Comforts.
In questo caso le carte si mescolano una volta sola e stanno educatamente in un mercato comune.
Con un po' di attenzione possiamo tenerle nude.

Descent

Dare valore ai propri acquisti 

Ritorniamo a coloro che proteggono le carte per una "questione economica".
Se ci pensate bene i giochi di carte collezionabili hanno sdoganato l'imbustamento delle carte.
Era la fine degli Anni 90 quando il Black Lotus era il sogno proibito di ogni giocatore di Magic: The Gathering. Una bustina era il minimo.
Ora che i giochi da tavolo hanno trovato uno spazio al di fuori del reparto giocattoli di un megastore e dalla lettera a Babbo Natale, è chiaro che i giocatori vogliano accessoriare le loro scatole e ci prestino più attenzione.
Come un organizer rende un gioco più frequentemente intavolabile, abbattendo il costo per partita, così le bustine permettono di aumentare la vita del vostro gioco preferito.
Del resto, per giochi che arrivano a costare tre cifre come Gloomhaven o Descent: Leggende delle Tenebre, equipaggiarli con bustine incide poco sul costo totale della scatola.

the-crew

Nella scatola? Solo carte

Ci sono poi i giochi *di carte*.
Jaipur è un gioco compulsivo per due giocatori. Turni veloci, mescolamenti frequenti e giocatori tesi come i più accaniti giocatori di burraco.
In epoca più recente si può pensare a Jekyll vs Hyde, che per questo aspetto, ha le stesse caratteristiche.
Alla fine, comunque, la differenza, ancora una volta, la fa il costo.
Le carte da scala quaranta le troverete come inserto nella rivista da portare in spiaggia.
Tuttavia, come vi darete la crema per proteggervi dal sole, magari The Crew: Missione negli Abissi  apprezzerà di non finire insabbiato.
Non c'è niente di più fastidioso.

Bang-deluxe

Birra e patatine

Se poi andiamo a pescare fra i party game, probabilmente una "protezione" è ancora più giustificata.
Dite party game e il vento vi porterà come eco junk food.
Come diceva una nota pubblicità "se non ti lecchi le dita godi solo a metà".
Ecco.
Una serata party game con la tuta anti-Covid per non sporcare le carte non si può sentire.
Allora il vostro classico Bang o Dixit tocca imbustarlo.
Il proprietario starà così più sereno e l'ospite Mano Unta non si sentirà in colpa per aver toccato una carta e averla fatta diventare trasparente.

saboteur

Un po' di privacy

Le carte, solitamente, non sono fronte retro.
Il dorso della carta serve per evitare, per l'appunto, che si eviti di capire che carta si va pescando o la mano avversaria.
È importante soprattutto nei giochi a ruoli nascosti.
Per citare un classico: Saboteur.
Se le carte sono segnate si perde la magia di intuire chi sia il minatore e chi il sabotatore.
Per coincidenza Saboteur è un gioco di carte, ma questo vale anche per Shining o il recente The Thing, che tiene banco in questi giorni nelle varie community.
Addirittura in Mantis Falls le bustine sono già incluse. Il gioco è infatti un thriller psicologico centrato sul capire su chi possiamo fidarci.
Saperlo già dall'inizio con chi siamo seduti al tavolo è come vedere il finale di stagione di una serie TV la prima serata.

Dopo questo paragone state già cercando le bustine, eh?

Lascia un commento
Lascia un commento

Menu

Impostazioni

Crea un account gratuito per salvare prodotti preferiti.

Accedi

Crea un account gratuito per aggiungere alla Lista dei desideri.

Accedi